Il mercato dell’usato nei primi 6 mesi 2021

In che condizioni troviamo il mercato dell’auto (nuovo e usato) in questo primo semestre del 2021? La pandemia continua ad avere un forte e negativo impatto nel settore, ma forse possiamo individuare timidi segnali di ripresa nel mondo dell’usato. 

Ricevi gli articoli sulla tua email
Verena
mercato auto usate 2021

La compravendita di auto nuove o usate continua a subire il contraccolpo innescato dalla pandemia e i dati di vendita dell’intero settore non sono incoraggianti. In tutti i primi sei mesi del 2021 il comparto del nuovo ha subito un crollo nelle vendite notevole, arrivando addirittura nel mese di luglio ad un -28,1% sul 2019 e -19,4% sul 2020, mesi che già registravano un trend discendente. 
L’usato, invece sembra stia recuperando terreno. Nel primo semestre 2021 si sono registrati 1.296.260 passaggi di proprietà con una crescita di quasi il 37% rispetto allo stesso periodo del 2020. Se confrontiamo i dati con le immatricolazioni del primo semestre del 2019, quando ancora la crisi del settore automobilistico non era legata alle vicissitudini della pandemia, possiamo leggere comunque un dato positivo. Infatti nel primi sei mesi 2019 i passaggi di proprietà sono stati  2.177.217, ma eliminando i dati relativi alle auto Km0 che oggi sono in calo rispetto al 2019, la differenza non risulta drammatica, come accade nel settore del nuovo. C’è un altro dato interessante da valutare: il valore medio dell’usato in salone. Il DataCenter di InterAutoNews registra che nel 2021 il valore medio dell’usato in vendita presso le concessionarie è lievitato del 15% passando a circa 9.700 euro contro gli 8.400 del 2019. 

Come leggere questi dati e cosa aspettarsi? 

La crescita del valore medio delle auto in vendita e gli incoraggianti dati di tenuta del mercato fanno riflettere su alcuni aspetti. In primis si può evidenziare una fiducia da parte del cliente nel mercato, che continua a valutare per i propri acquisti anche le auto usate. Inoltre il fatto che “il prezzo tenga” significa che il parco auto in circolazione nel mercato usato è di buona qualità e continua a incontrare i desideri del pubblico.
Inoltre, il rallentamento, se non blocco, degli incentivi e bonus per l’acquisto di veicoli nuovi può scoraggiare il cliente a fare un investimento più corposo in tempi incerti come quelli che stiamo vivendo, e a rifugiarsi in una scelta che soddisfi le proprie esigenze senza metterlo in difficoltà a livello economico. Infine il dilatarsi dei tempi di attesa per ottenere un veicolo nuovo, dovuti alla crisi produttiva di alcune componenti tecnologiche dei veicoli nuovi, può scoraggiare anche il più motivato degli acquirenti, che trova nell’usato una valida alternativa. 

Questa situazione può essere un vantaggio competitivo importante per chi si occupa della vendita di auto usate. Una buona strategia di marketing per arrivare “al cliente giusto nel momento giusto”, una gestione professionale e trasparente della trattativa, che include una approfondita conoscenza delle potenzialità dei veicoli che si propongono, possono aumentare significativamente le opportunità di vendita, anche ad un pubblico non originariamente indirizzato verso l’usato. 
Infine arricchire la propria proposta commerciale con garanzie convenzionali capaci di tranquillizzare il cliente e dare una sicurezza in più sull’acquisto, può divenire una mossa strategica decisiva per convincere qualche cliente in più a scegliere un usato sicuro e performante. 

Vuoi sapere di più su come proporre una garanzia sui tuoi veicoli in vendita? I nostri consulenti sono a tua disposizione: contattaci!

Fonti:
http://www.unrae.it/
https://www.ilsole24ore.com/art/l-usato-vola-e-spinge-alto-quotazioni-AEN0hkW

Verena

Resta informato

Ricevi un'email al mese con i nostri articoli sul mondo della garanzia e del post-vendita.
Lasciaci i tuoi dati, è gratis!

Sono: